Created with Lunacy

Islanda

a Capodanno
Home>Tutti i viaggi>

Islanda a Capodanno

Viaggio a Capodanno di gruppo in Islanda a caccia dell'aurora boreale.

Evviva!!! Spari due colpi di lupara dal balcone, tiri i petardi nei cassonetti dell’umido, sempre la solita roba… Ma se facessimo tutto questo in Islanda?!
Sono stati anni da dimenticare, ma rifacciamoci tirando le bombe carta nei geysir, nelle cascate e nei vulcani attivi*. Vieni con noi in Islanda a far ubriacare le foche!
Festeggiamo il 2022 con un viaggio in Islanda a Capodanno!

Faremo tutto il giro dell’Islanda del Sud in 8 giorni in modalità self-drive (si, nessun pulmino, guidate voi!) accompagnati da un caposquadra Sto Gran Tour. Insieme vedremo:

🍌 Tutto il circolo d’oro islandese 
🍌 Le cascate Dettifoss e Seljalandsfoss
🍌 Il ghiacciaio Vatnajökull
🍌 La laguna Jokulsarlon
🍌 Il vulcano Fagradalsfjall
🍌 L’aurora boreale

E insomma, tanta roba! Pronti?! 

*è una pubblicità ingannevole: non tireremo i petardi alle cose, né somministreremo alcolici alle foche. Però il viaggio sarà una figata, tra ghiaccio e aurora boreale, leggi qui sotto.

Scopri l’itinerario

1

Viaggio in Islanda: si parte!

Dopo uno scalo da qualche parte in Europa, benvenuti in Islanda. Ci spostiamo verso la nostra base operativa: un posto segreto e speciale, sotto un faro e circondato dal mare sulla baia di Reykjavik.

Facciamo un briefing sull’avventura e una bella cena nel ristorante migliore di tutta la zona (nonché l’unico). Dormiremo proprio lì - non nel ristorante, ma in delle calde casette in legno sul mare. Siamo in in uno dei posti migliori al mondo per vedere l’aurora, incrociamo le dita.

2

Altro che petardi... Vulcani!

Iniziamo il viaggio con una bomba. O un vulcano...

Finché l'eruzione del vulcano Fagradalsfjall è attiva, cerchiamo di raggiungere la bocca che sta eruttando dal 2021. Nessuno sa quanto durerà il fenomeno, ma vediamo di essere fortunati e tra i pochi al mondo a ritrovarci a piedi con lo scorrere della lava a due passi da noi. Vabbè, che ve lo dico a fare... è una figata senza senso!

Più tardi cerchiamo di raggiungere il Circolo d'Oro, la zona di giunzione tra due placche tettoniche e in base alle condizioni delle strade e meteo, vedere il vero Geysir e l'enorme cascata Gullfoss.

Dopo questa giornata non ci resta che rifugiarci nei nostri cottage in legno in piena campagna islandese, proprio sotto un altro vulcano… spento, per aspettare l'aurora!

3

Capodanno in Islanda: buon 2022!

Vediamo di iniziare bene questo 2022, porca miseria. Si va a Skogafoss, una cascata alta 40 metri dove si può arrivare sotto al muro d’acqua e salire in cima, dopo 430 gradini maledettamente scivolosi.

Ci spostiamo ad ovest, verso Dyrholaey! Hey, che belli i faraglioni! Ci prendiamo il freddo dell’oceano e le onde incazzate sotto di noi e dopo un bel pranzo al benzinaio locale, dove facciamo anche il pieno alla panza.

Grande festa!!!! Ci prepariamo a una delle tappe più belle del nostro viaggio: sabbia vulcanica, grotte di basalto colonnare e cinesi sbadati inghiottiti dalla furia dell’oceano; cosa vuoi di più?!? Siamo a Reynisfjara <3

Di pomeriggio attraversiamo il deserto, con i ghiacciai a sinistra e la lava a destra, fino alle nostre casette in legno. Aperitivo con lo squalo putrefatto, bagno nelle vasche calde all’aperto e cena nei nostri cottage. Dai che ci becchiamo la prima aurora dell’anno!

4

Se non limoni a capodanno...

Oggi è l’ultimo giorno del 2020 (finalmente aggiungiamo!!). L’obiettivo è il Vatnajökull, uno dei ghiacciai più grandi al mondo: è esteso quanto la Corsica, enorme.

Qui faremo la prima attività del viaggio: ci affideremo alle guide locali per camminare prima sopra e poi dentro il ghiacciaio, alla ricerca delle Ice Caves, le grotte di ghiaccio blu blu blu (vedi scheda “Attività Extra”).

Tornati coi piedi per terra ci rimettiamo in macchina e, dopo un paio di soste panoramiche, arriviamo alla Laguna degli Iceberg, Jokulsarlon. Questa è la tappa più emozionante del nostro viaggio… Immaginate un lago di fronte a un ghiacciaio, con gli iceberg azzurrissimi galleggiano e si cappottano nell'acqua. Lastroni di ghiaccio di tonnellate che creano milioni di colori, con le foche che vi nuotano attorno. È la visione più bella della vita.

Ci spostiamo a Diamond Beach. Si chiama “spiaggia di diamanti” e non c’è bisogno di spiegazioni: migliaia di iceberg grandi e piccoli sulla spiaggia vulcanica nera, con il sole li fa riflettere in mille modi… in più si possono anche leccare.

Dopo aver limonato con gli iceberg, torniamo ai nostri cottage in legno, per prepararci al festone di Capodanno in mezzo al deserto. Un cenone così non l’abbiamo mai fatto: birra,  spumante islandese e vasche d’acqua calda sotto l’aurora!! Festeggiamo questo nuovo anno senza petardi, ma con le esplosioni dell’aurora boreale sopra la nostra testa! Altro che fuochi d’artificio.

Buon anno.

5

Il ghiacciaio Solheimajokull e l'Aperisqualo

Percorreremo indietro il deserto fino ad arrivare sotto l’Eyjafjallajokull, il vulcano più famoso d’Islanda... 
 

Oggi un’altra attività figa: insieme alle guide locali possiamo fare un trekking di circa 2 ore sulla lingua del ghiacciaio Solheimajokull (vedi scheda “Attività extra”).

Tornati al calduccio in macchina seguiremo l’unica strada principale islandese lungo la costa meridionale dell’isola, fino a Seljalandsfoss, la cascata in cui è possibile passeggiare dietro il getto d’acqua, visto che ancora non siamo del tutto bagnati, recuperiamo con la “Figa di Pietra”, il nostro posticino segreto islandese.

Fradici, ci spostiamo nel nostro ristorantino islandese, dove come gli idioti ci vestiamo da falsi vichinghi, ma ci tiriamo delle vere asce di ferro. E mangiamo del vero agnello. Che bello essere vichinghi.

Notte nei cottage in legno in aperta campagna, aspettando l’aurora boreale, dalle parti di Hella.

6

Ritorno alla civiltà

Carichiamo gli zaini sui nostri potenti mezzi e ci spostiamo in direzione di Reykjavik: visiteremo la capitale più a Nord del mondo.
 

Dopo una settimana nel deserto è strano vedere laggente. Pranziamo in città, con la zuppa di aragosta e l’hot dog migliore del mondo (parola di Bill Clinton). Passiamo il pomeriggio a zonzo per la città, tra il museo fallologico (della min**a), e un sacco di altre cose interessanti.

Stasera festone tra le vie di Reykjavik. Quello che succede a Reykjavik resta a Reykjavik. Notte in città.

7

Millebollebblu e Whale watching

Passiamo la mattina a zonzo per la città e a un certo punto… BALENEEEEE! Saliamo su una delle barchette del porto e salpiamo verso la baia di Reykjavik per avvistare le balene e tra salti, spruzzi e pinnate (vedi scheda "Attività extra).

Visto che ancora la giornata è a metà, ci tocca un’altra figata senza senso: la Blue Lagoon (vedi scheda "attività extra"). Ci tuffiamo nelle acque di scarto di una centrale elettrica geotermica. Detto così fa schifo, ma sono le terme più famose e fighe del mondo: acqua azzurrissima, in piscine di basalto naturale, in mezzo a una vallata vulcanica, sorseggiando una birra nel bar dentro la piscina. Questa è una figata, la cosa migliore per concludere il viaggio.

Di sera, cotti a puntino, torniamo alla nostra base islandese, per l'ultima cena e l’ultima chance di vedere l’aurora boreale proprio sotto il cielo artico.  

8

Eggià.

Abbiamo ancora un giorno pieno in Islanda, per goderci con calma il risveglio boreale, fare un giro nei paraggi della penisola e l'ultimo pranzo islandese.
Nel tardo pomeriggio riconsegnamo i nostri potenti mezzi all’aeroporto di Keflavik e con le lacrime agli occhi prenderemo in serata prenderemo un volo per l’Italia.

 

È o non è stato il Capodanno più figo della storia dell’umanità?? Vediamo di portarci un po’ di fortuna a questo 2021!!!

Scopri tutti

La Mappa

Dettagli del Viaggio

DOCUMENTI E GREEN PASS

Per raggiungere l'Islanda è quasi sempre necessario uno scalo in Inghilterra e anche quando non è previsto, può capitare che per maltempo i voli vengano dirottati su Londra.
Per questo motivo, il documento necessario per partire è il Passaporto (obbligatorio per l'ingresso nel Regno Unito dal 1 Ottobre 2021).

Per entrare in Islanda è necessario il Green Pass con le seguenti regole:

🍌 Le persone devono aver fatto entrambe le dosi del vaccino Covid19 
🍌 Per entrare nel Paese devono essere passati 14 giorni dall'ultima dose
🍌 Se si è fatto il covid, è necessaria una sola dose di vaccino
🍌 Se si è fatto il covid da poco, e non ci si può ancora vaccinare, serve una certificazione in inglese che attesti la presenza di anticorpi

Attività Extra

Un piccolo trekking tra i ghiacci blu blu blu del ghiacciaio Solheimajokull.

Prezzo: 89€
Durata: 2h
Difficoltà: facile, per tutti

Alternativa: una passeggiata intorno al ghiacciaio, vedendolo da lontano!

Guarda un po'...

L'aereo precipitato

C'è solo un modo per vedere l'Islanda

Guidare in Islanda in Inverno

Prenota la tua data

Da Giovedì

28/12/21

a Giovedì

04/01/22

Posti disponibili

17

Luca

da 2200€

1990€

fino al 31 Agosto

Luca

Posti disponibili

17

da 2200€

1990€

fino al 31 Agosto

Cosa è compreso

Incluso nel prezzo del viaggio
Non incluso nel prezzo del viaggio
Incluso nella cassa comune

FAQ

F**K Covid
Come si svolgeranno le giornate?
Vedremo l'aurora boreale?
Viaggi individuali
Attrezzatura e voli
Conosci i tuoi compagni
Conferma gruppi
Il Caposquadra
credits logicweb

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Cookie policy

ACCETTO