Created with Lunacy
Islanda in estate
a caccia di tramonti

ISLANDA IN ESTATE

A caccia di tramonti.

Giornate lunghissime e tramonti infiniti. 
Da queste parti i tramonti in Islanda iniziano alle 9 di sera e finiscono a mezzanotte. BOOM. 

Il nostro obiettivo è di trovare i colori più fighi di tutta l’isola: il ghiaccio blu, la lava nerissima, i campi verdi e viola. Per l'estate abbiamo studiato il programma in modo da visitare al tramonto di mezzanotte le tappe più fighe!

Scopri l’itinerario

1

Il nostro arrivo

Dopo uno scalo da qualche parte in Europa, arriveremo in Islanda.

Ci spostiamo verso la nostra base operativa: è un posto segreto e speciale, circondato dall’oceano. Faremo un briefing introduttivo sull’avventura e una bella cena nel ristorante migliore di tutta la zona - nonché l’unico.

Dormiremo proprio lì - non nel ristorante, ma in delle casette in legno in riva al mare, dove potremo vedere il nostro primo tramonto sulla baia di Reykjavik.

2

Geysir, Gulfos e schizzi

Oggi giornatina, preparatevi. Guidiamo lungo la strada panoramica sull’oceano per fermarci a Krysuvik, zona geologicamente incazzata.

Zolfo che bolle, fumarole e puzza di uova marce, questa sì che è vita.

Belli profumati ci spostiamo a Thingvellir, la congiunzione tra due placche tettoniche: stile Homer Simpson saltelliamo tra il continente Americano e quello Euroasiatico. Carino. E da queste parti c’è anche il primo Parlamento del mondo.
Per pranzo ci spostiamo in una serra alimentata da un geysir, dove coltivano gli unici pomodori dell’artico! Mangiamo proprio dentro la serra: zuppa di pomodori, cozze al pomodoro e birra al pomodoro, tutto islandese.

Dopo pranzo cii facciamo schizzare da Geysir, e dopo ancora da Gullfoss, una delle cascate più grandi d’Europa, sempre piena di arcobaleni. 

Per cena ci spostiamo in un ristorantino vichingo e, visto che ancora deve tramontare, ci spostiamo verso Seljalandsfoss per ammirare una delle cascate più alte d’Islanda con la luce del sole di mezzanotte. Non male no?

Raggiungiamo i nostri cottage di legno proprio sotto il Katla, uno dei vulcani più attivi, tanto per stare tranquilli. Buonanotte.

3

Spiaggia nera, basalto e altra roba

Dopo colazione facciamo un tuffo a Skogafoss, la cascata più possente del Sud. Come se non bastasse, ci sono un milione di arcobaleni che si creano con i riflessi del sole. Fi.ga.ta. 

Continuiamo... siete mai stati con un kayak sotto un ghiacciaio?! Bene, è arrivata l’ora. Ci buttiamo nel laghetto glaciale del Myrdalsjokull e passiamo qualche ora in canoa (tutti i dettagli nella scheda “Attività Extra”). Fi.ga.ta.

Ci spostiamo lungo il deserto morenico, fino ad arrivare a Dyrholaey e agli enormi faraglioni. Passiamo un po’ di tempo a prenderci il vento dell’oceano e le onde incazzatissime della baia. I benzinai islandesi sono famosi per il diesel più caro del mondo e per l’agnello arrosto, e dopo un bel pranzetto ci spostiamo alla Spiaggia Nera

Grande festa, è una delle tappe più belle del nostro viaggio. Sabbia vulcanica, grotte di basalto colonnare e cinesi sbadati inghiottiti dalla furia dell’oceano; cosa vuoi di più?!? Siamo a Reynisfjara

Di sera attraversiamo il deserto, con i ghiacciai a sinistra e la lava a destra. Arrivati nelle nostre casette di legno, facciamo un aperitivo a base di squalo putrefatto, un bagno nelle vasche calde all’aperto e ceniamo nei cottage.

Il tramonto oggi ce lo becchiamo a Fjadrargljufur, il canyon più profondo, lungo e affascinante dell’isola, ben 3 chilometri di puro godimento. Oh Yes! Notte nei nostri cottage in piena campagna, dalle parti di Kirkjubaerjarklaustur.

4

Ghiacciai, lagune blu e foche

L’obiettivo di oggi è il Vatnajökull, uno dei ghiacciai più grandi al mondo: è esteso quanto la Corsica, enorme.

Dopo un paio di soste panoramiche, arriviamo alla Laguna degli Iceberg, Jokulsarlon. Questa è la tappa più emozionante del nostro viaggio…

Immaginate un lago, proprio di fronte a un ghiacciaio, con gli iceberg azzurrissimi che galleggiano e cappottano nell'acqua. Lastroni di ghiaccio di tonnellate che creano milioni di colori, con le foche che vi nuotano attorno. È la visione più bella della vita.

Come se non bastasse, abbiamo la possibilità di fare un’attività fighissima! Salire su dei piccoli fuoribordo, navigare a 1000 tra gli iceberg e le foche per arrivare fin sotto il fronte del ghiacciaio e capire il problema dello scioglimento dei ghiacciai (tutti i dettagli nella scheda “Attività Extra”).

Pomeriggio ci spostiamo a Diamond Beach. Si chiama “spiaggia di diamanti” e non c’è bisogno di tante spiegazioni: migliaia di iceberg grandi e piccoli sulla spiaggia vulcanica nera, con il sole li fa riflettere in mille modi… in più si possono anche leccare.

Dopo aver limonato con gli iceberg, torniamo ai nostri cottage per goderci il tramonto sul deserto di fronte a noi, cenare e meditare sulla figata stratosferica che abbiamo appena vissuto.

5

Le Grotte Blu blu e la figa di pietra

Ancora non abbiamo finito di esplorare il ghiacciaio.

Ci mettiamo in mano a delle guide locali per camminare sul ghiacciaio, alla ricerca delle sculture di ghiaccio, dei canaloni e dei crepacci!! Ghiaccio blu blu blu blu!! (vedi scheda “Attività extra”).

Tornati sulla terraferma, ci mettiamo in marcia lungo l’unica strada islandese e iniziamo il ritorno lungo la costa, fino a raggiungere la nostra “figa di pietra”. Una bella sorpresina che non ha bisogno né di anticipazioni né di spiegazioni. È bella, fidatevi!!

Ci aspetteranno i nostri cottage, la cena e le vasche calde all’aria aperta!

6

La penisola di Snaefellsness

Stamattina sveglia presto, cambiamo aria. Lasciamo Sudurland, la regione del sud, per spostarci verso i Fiordi dell’ovest e il Vulcano di “Viaggio al centro della Terra”.

Andiamo nella penisola di Snaefellsness.

Questa è la lingua di terra dove sorge lo Snaefellsnessjokull, quel vulcano da dove Jules Verne è entrato per il suo viaggio al centro della terra. Il parco naturale copre tutta la punta della penisola e noi passiamo il pomeriggio tra i fiordi, e nei pressi della famosissima cascata Kirkjufell, quella che ha come sfondo quel cono vulcanico arrotondato! 

Ci godiamo il tramonto su questo spettacolo e  dormiamo nei cottage in legno nel paesino di pescatori sulla baia.

7

Reykjavik e la Blue Lagoon

Carichiamo gli zaini sui nostri potenti mezzi e ci spostiamo in direzione di Reykjavik: visiteremo la capitale più a Nord del mondo.

Dopo un paio di ore a zonzo per la città, aver fatto shopping artico e mangiato la zuppa di aragosta e gli hot dog più buoni del mondo, lasciamo la città.

Nel pomeriggio, si schizza alla Blue Lagoon per concludere in bellezza il nostro viaggio.

Ci tufferemo nelle acque di scarto di una centrale elettrica geotermica. Detto così fa proprio schifo, ma sono le terme più famose e fighe del mondo: acqua azzurrissima, in piscine di basalto naturale, in mezzo a una vallata vulcanica, sorseggiando una birra nel bar dentro la piscina. Questa è una figata. (vedi scheda “Attività extra”).

Dopo un paio d’ore e cotti a puntino, ci spostiamo verso la nostra base islandese, da dove è iniziato il viaggio, per la cena e l’ultimo tramonto islandese sulla baia di Reykjavik.

8

Il rientro a casa

In mattinata riconsegna delle auto all’aeroporto di Keflavik e con le lacrime agli occhi prenderemo un volo per l’Italia.
Lacrime agli occhi!

Scopri tutti

La mappa

Dettagli di viaggio

Parti sereno e goditi le vacanza!

In caso ci fossero problemi causati dal Covid-19, Sto Gran Tour rimborserà ad ogni partecipante la quota di prenotazione del viaggio. Il volo aereo verrà rimborsato direttamente dalla compagnia aerea, poiché biglietto nominativo, tramite un voucher riutilizzabile.

Prenota la tua data

Da sabato

10/08/20

A sabato

17/08/20

Posti disponibili

15

Luca

da 1750€

Luca

Posti disponibili

15

da 1750€

Da lunedì

24/08/20

A lunedì

30/08/20

Posti disponibili

15

Luca

da 1750€

Luca

Posti disponibili

15

da 1750€

Da lunedì

31/08/20

A lunedì

07/09/20

Posti disponibili

15

Luca

da 1750€

Luca

Posti disponibili

15

da 1750€

Scopri tutti
Cosa è compreso?
Incluso nel prezzo del viaggio
Non incluso nel prezzo del viaggio
Incluso nella cassa comune
Dicono di noi
È stato il mio primo viaggio in camper. Quando ne organizzate altri? Io sono pronto.

Ale

Una sensazione di libertà estrema. L’Islanda poi, un posto incredibile.

Anna

Ero spaventata all’idea di viaggiare tutti insieme e condividere il camper…ma mi sono meravigliata! Un viaggio stupendo, meraviglioso. Che rifarei immediatamente!

Edo

FAQ
Come è formato il gruppo?
Conferma Gruppi
Il Caposquadra
Conosci i tuoi compagni
Attrezzatura e voli
Viaggi Individuali
credits logicweb

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Cookie policy

ACCETTO