Created with Lunacy
blog 4 mobile
blog 3 mobile
blog 2 mobile
blog 1 mobile
blog 4 d
blog 3 d
blog 2 d
blog 1 d
Sto Gran Magazine
right arrow
Home>Sto Gran Magazine>
TORNA INDIETRO

Circolo d'oro Islanda: tutte le tappe

Circolodoro1950x550AnyConv

Un Tour in Islanda non poteva che iniziare da una chicca islandese: il circolo d'oro, presente ai primi posti di quasi tutte le liste di cose da fare in Islanda. E non senza ragione.
Il Circolo d'Oro comprende tre luoghi splendidi nell'Islanda sud-occidentale: il parco nazionale Thingvellir, l'area geotermica del Geysir e la cascata Gullfoss. Andiamo con ordine...
 

Il Parco Nazionale Thingvellir

Il parco nazionale Thingvellir è un luogo geologicamente fantastico, il primo dei tre parchi nazionali dell'Islanda a essere istituito, patrimonio mondiale dell’UNESCO. È la prima tappa del Circolo d'Oro, situato a soli 45 minuti in auto da Reykjavík.
Nel Thingvellir si può scoprire sia come si è formata quest'isola, sia le origini della sua società civile. L'incredibile geologia del parco deriva dal fatto che è situato proprio in mezzo alle placche tettoniche euroasiatica e nordamericana, nella fossa tettonica che attraversa tutta l'Islanda. Questo è l'unico Paese al mondo in cui questa fossa, la dorsale medio atlantica, può essere osservata al di sopra del livello del mare e in nessun posto è più visibile che nel Thingvellir.
È stata una sacca di magma che è risalita in mezzo a queste due placche mentre si allontanavano a dare inizio alla formazione dell'Islanda milioni di anni fa. Il loro costante allontanamento è il motivo per cui l'Islanda ha un'attività vulcanica così affascinante: l'isola infatti è molto giovane e si sta ancora formando. 
Nella zona continuano a esserci regolarmente terremoti, dato che la distanza fra le placche aumenta di 2,5 centimetri all'anno. Le gole createsi a causa di questi sismi si riempiono di acqua dolce, che si scioglie dal ghiacciaio Langjökull e scorre sotto terra attraverso la roccia lavica porosa verso il lago Thingvallavatn.

Ma la sua geologia non è tuttavia l'unico motivo per cui il Thingvellir ha ottenuto lo status di parco nazionale e di sito patrimonio mondiale dell’UNESCO. Questi titoli sono dovuti al suo passato: ripercorrere la storia del Thingvellir significa ripercorrere la storia del popolo islandese.

I primi coloni permanenti giunsero in Islanda nel IX secolo ed erano in gran parte clan nomadi che avevano rifiutato di sottomettersi al nuovo re di Norvegia. Nel 930 d. C., decisero che una qualche forma di governo collettivo avrebbe placato le dispute sull'isola, così ciascuno dei circa 30 gruppi presenti mandò qualcuno a rappresentarlo. Definirono il luogo dell'incontro "i campi del parlamento", cioè Thingvellir.

Il primo parlamento fu un tale successo che la tradizione proseguì anno dopo anno, decennio dopo decennio, secolo dopo secolo. 
Infatti, a partire dalla sua fondazione oltre un millennio fa, fu sospeso solo una volta, dal 1799 al 1844. Dopo questa interruzione, fu trasferito a Reykjavík, ma la sua funzione rimase la stessa.
 

 

L'area geotermica del Geysir

La seconda tappa del Circolo d'Oro è l'area geotermica di Geysir. Si trova a circa 50 minuti in auto da Thingvellir. 
Fino ad arrivare nella valle Haukadalur, dove l'attività geotermica diventa ancora più intensa: il vapore che si innalza sopra di essa è visibile da chilometri. La zona è costellata di numerose piscine calde, pentole di fango e fumarole, mentre le colline e il terreno hanno i colori vividi dei minerali. Sarebbe un luogo affascinante anche se non ci fossero i due geyser che l'hanno resa famosa.
Il primo è quello che ha dato il nome a tutti gli altri: il Grande Geysir. Geysir erutta raramente, mentre il vicino Strokkur esplode ogni 10 minuti circa, con getti d'acqua che vanno dai 20 ai 40 metri d'altezza. Si vi abbiamo svelato una gran cosa: il getto d'acqua che vedete in tute le foto, è il geyser di nome Strokkur.
I motivi per cui il Geysir originale è ormai quasi completamente inattivo dipendono dall'attività tettonica nella zona, nonché dall'intervento invasivo dell'uomo: centinaia di monetine infatti, sono state gettate nel cratere come "porta fortuna", portando invece all'inceppamento del geyser. Dei Geyser vi parliamo in modo approfondito in questo articolo, dedicato proprio ai Geyser in Islanda.
 

 

La cascata Gullfoss

La terza (e ultima) tappa del Circolo d'Oro è una delle più spettacolari cascate d'Islanda: Gullfoss. Spostandosi da Geysir, in 10 minuti si arriva a questa potente cascata che compie due salti, da un'altezza complessiva di 32 metri. Gullfoss non è famosa solo per la sua straordinaria potenza, ma anche per gli arcobaleni che emergono dalla sua nebbiolina nelle giornate di sole e rendono il panorama pazzesco. Come le sorgenti nel Thingvellir e l'acqua nell'area geotermica del Geysir, anche il fiume che ricade nella Gullfoss proviene da questo ghiacciaio Langjökull.
Quando non c'è ghiaccio sul terreno, si apre un passaggio che porta fino al limitare della cascata, abbastanza vicino da sentire la nebbiolina sul viso. Qui è possibile fare foto incredibili e restare incantati per ore ad ammirare la maestosa potenza dell'acqua.
 

Vuoi vedere il Circolo d'Oro in Islanda? Fai bene! Dai un'occhiata al nostro Tour in Islanda.

Leggi anche...

Collaboriamo con...

Amazon Prime Video
Sky
Rai 3
Kilimangiaro
Ferrino
La Repubblica
Mashable
La Stampa
Topolino
Adnkronos
Radio Deejay
Radio 105
credits logicweb

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Cookie policy

ACCETTO