loading…
Created with Lunacy
Home>Sto Gran Magazine>
TORNA INDIETRO

Safari in Sudafrica? Ecco cosa dovete sapere per un'esperienza indimenticabile nel Parco Kruger

safari parco kruger largasafari kruger parfco

Ok ok. Quest’anno volete fare un safari. E lo volete fare in Sudafrica perché i vostri amici sono tornati entusiasti (e ci crediamo) dal loro viaggio nel corno d’Africa. Nel vostro piano perfetto però vi manca un tassello fondamentale: quale è il momento migliore dell’anno per vivere al massimo un’esperienza safari in Sudafrica?! 

Beh, per fortuna che avete beccato ‘sto articolo! Date una lettura e scoprite il periodo ideale per immergervi nel Kruger

Parco Nazionale Kruger: cosa sapere, quando andare e cosa aspettarsi durante un safari

Alcune informazioni utili sul Parco Nazionale Kruger

Sì, ma prima di arrivare a leggere qual è il periodo migliore, beccatevi un po’ di info sul parco. Il Parco Nazionale Kruger è una delle riserve naturali più importanti del continente africano. Infatti, la rivista National Geographic lo ha inserito tra i cinque migliori safari africani e la CNN lo ha classificato tra i primi otto parchi dell'Africa per la visione della fauna selvatica.

Il Kruger è largo 65 km e lungo più di 350 km, il che rende evidente la sua vastità, ma questo non impedisce di fare facilmente un safari nel Parco Kruger da soli; si tratta di un'area allungata, a forma di cuneo, confinante con il Mozambico a est e lo Zimbabwe a nord

Con quasi due milioni di visitatori all'anno, il Parco Nazionale Kruger è una delle aree protette più ricche di fauna selvatica del mondo e ospita molte specie in via di estinzione, come il raro rinoceronte nero.

Leggi anche: Scopri l'Indonesia: 7 cose da vedere in un tour fuori dagli schemi

Qual è il periodo migliore per visitare il Parco Nazionale Kruger?

Dai, ora ve lo possiamo svelare. Sebbene il Kruger possa essere visitato tutto l'anno, il periodo migliore è quello che va da maggio a settembre, ovvero la nostra estate e la stagione secca in Sudafrica.

In questo caso, l'assenza di piogge significa che la vegetazione è più bassa e quindi, anche se teoricamente c'è meno fauna selvatica, è molto più facile osservarla. Inoltre, questi mesi sono meno affollati, le prenotazioni richiedono un preavviso leggermente inferiore e i prezzi sono leggermente più bassi.

In questo periodo le temperature sono le più basse dell'anno in Sudafrica. Le massime sono miti (tra i 20 e i 25°C) e anche le minime non sono troppo rigide, anche se è consigliabile mettere nello zaino qualche indumento caldo, perché di notte e nelle prime ore del mattino possono scendere fino a 10°C.

Ma, come abbiamo detto, non dovete preoccuparvi troppo di questo, perché ogni periodo dell'anno è buono per visitare il Parco Kruger. Avete capito bene, potevate anche risparmiarvi la ricerca!

Nei mesi da novembre a febbraio le temperature sono più calde (è estate nell'emisfero meridionale), ma è l'inizio della stagione umida in Sudafrica e, sebbene le piogge siano occasionali e brevi, la vegetazione è più verde e rigogliosa, quindi è più difficile avvistare gli animali – ma è il periodo ideale per il birdwatching.

In ogni caso, la temperatura media annuale del Parco Nazionale Kruger è di 25°C, quindi non c'è da preoccuparsi troppo.

La fauna selvatica nel Parco Nazionale Kruger

Pochi parchi africani offrono la fauna selvatica del Kruger e questo lo rende uno dei luoghi imperdibili del Sudafrica e – probabilmente – dell'intero continente africano.

La popolazione di leoni è di oltre 2.000 esemplari, la più numerosa in Africa insieme a quella del Parco Serengeti.

Ci sono più di 1.000 leopardi, 1.200 elefanti, 1.600 bufali e quasi 4.000 rinoceronti, di cui 300 neri. Come potete vedere, l'avvistamento dei Big Five nel Parco Nazionale Kruger è meno difficile che in altri parchi africani.

Naturalmente, le antilopi fanno parte del paesaggio e sono comuni anche zebre, facoceri, giraffe, kudu, ippopotami, coccodrilli e grandi gruppi di gnu.

Inoltre, la popolazione di iene conta oltre 2.000 esemplari ed è spesso vista aggirarsi di notte nei pressi di alcuni campi. Ci sono anche più di 200 ghepardi, anche se sono piuttosto elusivi e gli avvistamenti sono rari.

Non poteva poi mancare una popolazione molto elevata di uccelli, come struzzi, martin pescatori, falchi pescatori, marabù, ibis, lo spettacolare segretario, l'aquila marziale e diverse specie di avvoltoi.

Poiché questo argomento è di solito molto interessante, precisiamo che le zone migliori per vedere i grandi felini sono di solito Satara e Lower Sabie. E, come in ogni safari, i momenti migliori per vederli sono la mattina presto o al tramonto,quando il caldo non è così intenso. 

Al di là di queste ore, non è facile scorgere i felini.

Leggi anche: Quando andare in Nepal? Come scegliere il momento perfetto per visitare l'Himalaya

Conclusioni

In questo articolo vi abbiamo dato alcune informazioni utili prima di visitare uno dei parchi nazionali più belli di tutto il continente africano.

E se lo diciamo, è perché i nostri capisquadra sono Ranger Safari certificati che hanno studiato prooooprio in Sudafrica. Sì, lo conosciamo come le nostre tasche!. E non a caso ci organizziamo viaggi pazzeschi tutto l’anno, andando proprio al Kruger. 

Non ci credete?! Date un’occhiata ‘sto itinerario!

Leggi anche...

Collaboriamo con...

Amazon Prime Video
Sky
Rai 3
Kilimangiaro
Ferrino
La Repubblica
Mashable
La Stampa
Topolino
Adnkronos
Radio Deejay
Radio 105
©Tutti i diritti riservati. Sto Gran Tour, S.L di Gabriele Saluci. NIF: B-76316819 Capitale Sociale €75.000. Direzione tecnica dei viaggi: Sto Gran Tour S.L Registro Agenzia Viaggi N° I-AV-0004183.1. Polizza Responsabilità civile AXA N° 82728845
credits logicweb

ULTIME PROMO ESTIVE! Fino al 14 Luglio SCONTI FINO A -200€ sulle PARTENZE DI SETTEMBRE. Chi l'ha detto che l'estate finisce ad Agosto?! 🍌