loading…
Created with Lunacy
Home>Sto Gran Magazine>
TORNA INDIETRO

Quali sono le 7 meraviglie del mondo e perché, in realtà, non sono 7!

meraviglie del mondo largameraviglie del mondo

Sbam! Questo è uno di quegli articoli che vi farà crollare una certezza: le 7 meraviglie del mondo, non sono 7. E sappiamo che può sembrare un articolo fuffa, ma oh… ci credete se vi diciamo che ci siamo rimasti di sasso anche noi, non appena lo abbiamo scoperto?! Sì, esatto, in realtà le meraviglie del mondo sono ben 14!

Il motivo è semplice, ma fondamentale: oggi le meraviglie del mondo sono 14, ma vengono suddivise in due gruppi: le meraviglie del mondo moderno e le meraviglie del mondo antico (sebbene di queste ultime sia possibile ammirare solo le famose piramidi).

Ora facciamo chiarezza, e andiamo a scoprirle una ad una in questo articolo. 

Queste le sette meraviglie del mondo moderno e le sette del mondo antico

#1 Il Colosseo

Siamo noi che c’abbbbiamo er colosseo. Il Colosseo è il grande anfiteatro ovale nel centro di Roma (conoscete, no?) dove un tempo i gladiatori combattevano per la vita. Il più grande anfiteatro mai costruito, fu realizzato con sabbia e pietra in otto anni, dal 72 all'80 d.C.. 

La colossale struttura poteva contenere 80.000 spettatori, disposti in un anello circolare intorno al palco centrale. Qui si svolgevano eventi drammatici e talvolta orribili, non solo giochi gladiatori, ma anche rappresentazioni classiche, cacce agli animali ed esecuzioni. 

Si dice che l'acqua venisse addirittura pompata nell'arena per simulare battaglie navali. Parzialmente danneggiato dai terremoti e dai ladri di pietre nel corso dei secoli, il Colosseo è ancora un ricordo iconico della storia romana, visitato da migliaia di turisti ogni anno, quindi è logico che entri nella lista delle sette meraviglie del mondo di oggi.

#2 La Grande Muraglia cinese

La Grande Muraglia Cinese è un'enorme barriera (potevano chiamarla la Mastodontica e Grandissima Muraglia cinese, che avrebbe reso meglio l’idea) che si estende per migliaia di chilometri lungo lo storico confine settentrionale della Cina. Creata nel corso di millenni, la muraglia è nata come una serie di mura più piccole risalenti al VII secolo a.C., costruite come barriere protettive contro le incursioni dei nomadi. 

Nel 220 a.C., il primo imperatore cinese, Qin Shi Huang, decise di unificare tutte le mura della Cina in un'unica, possente barriera, rafforzandola ed estendendola per tenere lontani gli invasori del nord. 

Oggi la muraglia è riconosciuta come una delle sette meraviglie e, includendo tutte le sue diramazioni, misura ben più di 20.000 chilometri.

#3 Il Taj Mahal, India

Il famoso Taj Mahal (in persiano Corona dei Palazzi) è lo splendido mausoleo in marmo bianco sulla riva del fiume Yamuna, nella città di Agra, ed è stato scelto come una delle sette meraviglie del mondo. 

L'imperatore moghul Shah Jahan costruì il tempio come tomba per l'amata moglie Mumtaz Mahal, morta durante il parto nel 1631. Una tomba di marmo al centro è circondata da 17 ettari di terreno, dove giardini, una moschea, una foresteria e una piscina completano il complesso. L'intero progetto ha richiesto oltre 22 anni di lavoro da parte di 20.000 operai, per un costo di 32 milioni di rupie.

Ma il duro lavoro è stato ripagato: oggi il Taj Mahal è riconosciuto come Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO ed è una componente vitale della ricca storia Moghul dell'India.

#4 Cristo Redentore, Brasile

La statua totemica del Cristo Redentore sovrasta Rio de Janeiro sulla cima del monte Corcovado. Con i suoi 30 metri di altezza, questo monumento è un emblema del Brasile. 

Questa enorme opera d'arte pubblica fu progettata dallo scultore polacco-francese Paul Landowski negli anni Venti e completata dall'ingegnere brasiliano Heitor da Silva Costa e dall'ingegnere francese Albert Caquot nel 1931. Realizzato in cemento armato rivestito da oltre 6 milioni di piastrelle di pietra ollare, il Cristo Redentore è la più grande scultura Art Déco del mondo. 

Costruita subito dopo la fine della Prima Guerra Mondiale, la scultura è stata un simbolo di cristianità e di speranza in un momento in cui il mondo era stato messo in ginocchio, quindi non sorprende che questo monumento sia entrato nella lista delle sette meraviglie di oggi.

#5 Machu Picchu, Perù

Machu Picchu è un tesoro perduto del XV secolo, una rara cittadella scoperta sulle montagne andine sopra la Valle Sacra del Perù. Sorprendentemente, è una delle uniche rovine precolombiane ritrovate quasi intatte, con testimonianze di antiche piazze, templi, terrazze agricole e abitazioni. 

Gli archeologi ritengono che la cittadella sia stata costruita come tenuta per l'imperatore Inca Pachacuti intorno al 1450 con muri a secco levigati. Gli Inca abbandonarono il sito un secolo dopo e questo rimase nascosto per millenni, prima di essere portato all'attenzione del pubblico dallo storico americano Hiram Bingham nel 1911. Grazie a questa notevole conservazione, oggi è riconosciuto come una delle sette meraviglie.

#6 Chichén Itzá, Messico

Nel profondo dello stato messicano dello Yucatán si trova Chichén Itzá, una storica città maya costruita tra il IX e il XII secolo. Costruita dalla tribù precolombiana dei Maya Itzá, la città comprende una serie di monumenti e templi. 

Il più celebre è El Castillo, noto anche come Tempio di Kukulcan. Si tratta di un'enorme piramide a gradoni nel centro della città, costruita come tempio devozionale al dio Kukulkan. In totale, l'intero tempio presenta 365 gradini, uno per ogni giorno dell'anno. 

Ancora più impressionante è il fatto che, durante gli equinozi di primavera e d'estate, il sole pomeridiano proietta lungo la scalinata nord della piramide ombre triangolari che ricordano un serpente piumato che striscia sulla sua superficie, dirigendosi verso una testa di serpente in pietra alla base.

#7 Petra, Giordania

Petra, l'antica città nel sud della Giordania, è nota anche come ‘città delle rose’ per la sua tonalità dorata. Risale al 312 a.C. Situata in una valle remota, questa antica città fu fondata dai Nabatei arabi, una civiltà sofisticata che scavò un'architettura straordinaria e complessi corsi d'acqua nelle pareti rocciose circostanti. 

I Nabatei fecero di Petra uno snodo commerciale di successo, guadagnando grandi ricchezze e una popolazione in forte espansione prima di essere spazzati via dai terremoti. Sconosciuta al mondo occidentale per secoli, la città fu scoperta nel 1812 dall'esploratore svizzero Johann Ludwig Burckhardt. 

Il poeta e studioso del XIX secolo John William Burgon descrisse Petra come ‘una città rosso-rosa vecchia quanto il tempo’.

Leggi anche: Cosa fare alle Hawaii per vivere al massimo questo paradiso terrestre

#8 Grande Piramide di Giza

La Grande Piramide di Giza fu costruita nel 2570 a.C. ed è ancora oggi in piedi. Si ritiene che ci siano voluti 20 anni e ben 100.000 operai per completare la Grande Piramide, che fu costruita come tomba per il faraone egiziano della IV dinastia Khufu. Fu costruita come parte di un complesso che comprendeva templi e molte altre piramidi.

Le pietre più esterne della piramide erano di calcare bianco altamente levigato, che alla fine furono allentate da un terremoto più di 600 anni fa e furono rimosse per contribuire alla costruzione di città e moschee. Quando queste pietre di rivestimento erano presenti, alcuni ritengono che la piramide fosse così grande e luminosa da poter essere vista dalla luna.

Ci sono molte speculazioni sulle metodologie di costruzione e sulle intenzioni della piramide, tra cui riferimenti alla luna, alla costellazione di Orione, alla gravità continentale e altro ancora. Ciò che si sa, tuttavia, è che ogni lato della piramide è quasi perfettamente allineato con i quattro punti cardinali della bussola. Inoltre, le dimensioni della piramide si trasformano in un rapporto che equivale a 2π con una precisione quasi perfetta. 

Prendete fiato, che siamo alla numero 9! Ve l’avevamo detto che sono 14…

#9 Giardini Pensili di Babilonia

Giardini Pensili di Babilonia furono costruiti nel 600 a.C. e distrutti da un terremoto nel 226 a.C.. Il primo e più interessante fatto che riguarda i giardini è che c'è una notevole controversia sull'esistenza o meno dei giardini.

Che siano esistiti o meno, esistono molti resoconti elaborati e descrizioni poetiche dei giardini. In genere si ritiene che siano stati costruiti dal re Nabucodonosor II per sua moglie, perché le mancavano i giardini della sua casa. Alcune ricerche suggeriscono che si trattava di un'elaborata serie di giardini pensili. Un'altra teoria suggerisce che i giardini furono costruiti nelle mura del palazzo reale.

Babilonia, trovandosi nel mezzo del deserto, non disponeva di una vegetazione naturale di questo tipo; ci si chiede quindi come una tale rigogliosità sarebbe sopravvissuta nell'aridità del deserto. Recenti scavi hanno suggerito l'uso di un eccezionale sistema di irrigazione che utilizzava un pozzo di cantina insieme a una pompa a catena per portare l'acqua ai giardini. Altre teorie suggeriscono addirittura che i giardini non si trovassero affatto a Babilonia. Piuttosto, che siano stati costruiti da Sennacherib sulla riva orientale del fiume Tigri.

Indipendentemente dal risultato finale, è interessante notare che l'immaginazione dei poeti e degli storici antichi ha creato una delle meraviglie del mondo. 

#10 Tempio di Artemide a Efeso

Il Tempio di Artemide a Efeso fu costruito nel 550 a.C. e fu distrutto da un incendio nel 356 a.C.. Il Tempio di Artemide a Efeso fu costruito e ricostruito nel corso di molti anni. Il più famoso fu costruito intorno al 550 a.C. e fu finanziato dal re Creso di Lidia.

A differenza di molti altri templi dell'epoca, era costruito in marmo e luccicava d'oro. Le fondamenta del tempio misuravano più di 180 metri per 350 e i suoi gradini conducevano a un'alta piattaforma su cui si ergevano più di cento colonne splendidamente scolpite che sostenevano il tetto. Grande almeno il doppio del Partenone, era talmente mozzafiato che si diceva si elevasse fino alle nuvole.

Il tempio ospitava molte incredibili opere d'arte, ma la più famosa era la statua di Artemide stessa. Sebbene l'originale non esista più, si pensa che fosse fatta d'oro e di altri materiali bellissimi. 

Sebbene sia stata distrutta e ricostruita molte volte, e infine lasciata distruggere dall'uomo, dalla natura e dall'incuria, la versione più famosa del tempio fu distrutta da un incendio doloso commesso da un uomo di nome Erostrato la notte in cui nacque Alessandro Magno.

#11 Statua di Zeus a Olimpia 

La Statua di Zeus a Olimpia fu costruita nel 430 a.C. e distrutta da un incendio nel 426 d.C.. Scolpita in avorio, su un trono di legno di cedro, la statua fu creata dallo scultore greco Fidia intorno al 430 a.C.. 

Nella sua mano destra c'era una statua a grandezza naturale di Nike, la dea della vittoria, e nella sinistra un grande scettro sormontato da un'aquila. Si dice che la statua occupasse l'intera larghezza di una delle navate del Tempio di Zeus e che la sua testa raschiasse quasi il soffitto del tempio.

Nel 426 d.C. il tempio fu distrutto e molti storici ritengono che la statua sia stata distrutta in quell'occasione. Altri ritengono invece che la statua sia stata spostata a Costantinopoli (l'attuale Istanbul) e distrutta circa 50 anni dopo.

Sebbene siano state realizzate molte copie della statua durante i suoi oltre 800 anni di vita, nessuna è sopravvissuta.

#12 Mausoleo di Alicarnasso 

Il Mausoleo di Alicarnasso fu costruito nel 352 a.C. e fu distrutto da un terremoto nel 1404 d.C.. Il monumento fu costruito come tomba per Mausolo, un governatore dell'Impero persiano. Senza badare a spese, la moglie vedova Artemisia (che era anche sua sorella, come era consuetudine) commissionò a noti architetti e artisti greci la progettazione della tomba e dei rilievi scultorei per ciascuno dei quattro lati dell'edificio.

Il monumento era quasi quadrato, alto quasi 14 piani, e la sua base era di oltre 10.000 metri quadrati. Ogni lato della tomba aveva nove colonne massicce e la cima era una piramide a gradoni su cui si trovava un carro di marmo a quattro cavalli in cui c'erano le immagini di Mausolo e Artemisia.

Il monumento rimase in piedi per quasi 17 secoli e fu infine distrutto da una serie di terremoti. E, come il Faro di Alessandria, la tomba era così famosa che il nome di Mausolo è diventato la parola radice di grandi tombe in molte lingue.

#13 Colosso di Rodi

Il Colosso di Rodi fu costruito nel 282 a.C. e fu distrutto da un terremoto nel 226 a.C.. Nel 294 a.C., gli abitanti dell'isola di Rodi iniziarono a costruire una statua colossale del dio del sole Helios. Credevano che fosse grazie alle sue benedizioni che erano riusciti a resistere a un lungo assedio sull'isola e a uscirne vittoriosi.

Il Colosso fu costruito in bronzo, rinforzato con ferro e appesantito con pietre. Sebbene sia spesso raffigurato a cavallo del porto di Mandrákion, ciò è oggi considerato tecnicamente impossibile; pertanto, è probabile che si trovasse accanto al porto.

La statua fu rovesciata da un terremoto nel 226 a.C.. Si spezzò all’altezza delle ginocchia e cadde sul terreno. L'Oracolo di Delfi suggerì che la caduta avvenne perché gli abitanti di Rodi avevano offeso Helios e decisero di non ricostruirla.

La statua rimase a terra fino al 654 d.C. e, anche se rotta, era così imponente che molti viaggiarono per vederla. 

#14 Faro di Alessandria

Il Faro di Alessandria fu costruito nel 280 a.C. e fu distrutto da un terremoto nel 1323 d.C.. 

Situato sull'isola di Pharos nel porto di Alessandria, il faro è forse il più famoso della storia. Il faro era molto diverso dai fari moderni, in quanto era costruito in tre fasi, tutte inclinate verso l'interno. Costruito in blocchi di marmo con malta di piombo, il più basso era quadrato, il successivo ottagonale e il più alto cilindrico. All'interno del faro si trovavano una rampa e un ‘montavivande’ che consentivano di trasportare la legna per il fuoco che ardeva di notte.

All'interno della parte superiore aperta del faro si trovava un grande specchio curvo che serviva a riflettere la luce del sole durante il giorno e il fuoco di notte. Si dice che i marinai potessero vedere la luce fino a 60 chilometri di distanza. Secondo le leggende, la luce era così intensa da poter essere usata per bruciare le navi nemiche!

Leggi anche: Dove fare whale watching nel 2023: sapevi che puoi vedere le balene anche in Europa?

Conclusioni

In questo articolo abbiamo parlato delle sette meraviglie del mondo antico e del mondo moderno, e quindi delle 14 meraviglie del mondo! Se siete arrivati fino in fondo, avete visto che abbiamo mantenuto la promessa e che non vi abbiamo parlato di fuffa.

E anche se ci piacerebbe visitarle tutte (anche quelle andate perdute!) noi vi proponiamo le tappe in alcune delle più suggestive come Petra, il Taj Mahal e Machu Picchu.

Per saperne di più, date loro un’occhiata.

Leggi anche...

Collaboriamo con...

Amazon Prime Video
Sky
Rai 3
Kilimangiaro
Ferrino
La Repubblica
Mashable
La Stampa
Topolino
Adnkronos
Radio Deejay
Radio 105
©Tutti i diritti riservati. Sto Gran Tour, S.L di Gabriele Saluci. NIF: B-76316819 Capitale Sociale €75.000. Direzione tecnica dei viaggi: Sto Gran Tour S.L Registro Agenzia Viaggi N° I-AV-0004183.1. Polizza Responsabilità civile AXA N° 82728845
credits logicweb

Ma se vi dicessimo: Scimpanzé, Rinoceronti e soprattutto Gorilla di Montagna?
Si avete capito bene, finalmente questa estate vi portiamo in Uganda!
Fino a Domenica 10, tutte le partenze in sconto!