loading…
Created with Lunacy
Home>Sto Gran Magazine>
TORNA INDIETRO

Wat Pho: visita il tempio del Buddha sdraiato a Bangkok

wat pho largawat pho

Il Wat Pho? Na bomba. Ci sono più di 400 templi a Bangkok, tra cui scegliere, ma pochi hanno i tesori che il Wat Pho custodisce tra le sue mura. 

È infatti uno dei templi più grandi e più antichi di Bangkok, costruito dal fondatore della città, ed è stato un baluardo della fede buddista mentre la moderna metropoli cresceva intorno ad esso. 

Per chi viaggia a Bangkok, dovrebbe essere in cima alla lista delle cose da fare.

Essendo uno dei migliori templi di Bangkok, può essere molto frequentato. Eppure il sito è così grande, con così tante cose da vedere a Wat Pho, che a volte si può persino sfuggire alla folla.

Il Wat Pho è il cuore del quartiere reale del Paese e il centro della fede thailandese. Entrambi sono estremamente importanti – alcuni direbbero che lo sono sempre stati – perché è qui che si intersecano con il patrimonio della città.

Ok ok, avete capito che in questo articolo parliamo del Wat Pho, quindi iniziate a leggere per saperne di più!

Visitare il Wat Pho a Bangkok: ecco cosa c'è da sapere! (2023)

La storia del Wat Pho 

Prima di dirmi come visitare il Wat Pho, beccatevi un bel pippotto culturale sulla sua storia. Sarà rapido e indolore, promesso. 

La prima versione del Wat Pho (ufficialmente Wat Phra Chetuphon Wimon Mangkhalaram Rajwaramahawihana, che non ci azzardiamo nemmeno a pronunciare) fu costruita nel XVI secolo come monastero del tardo periodo di Ayutthaya. 

Originariamente conosciuto come Wat Pho Dharam, fu restaurato nel 1788 dal re Rama I, che nel frattempo aveva costruito il Grand Palace accanto e stabilito Bangkok come capitale della Thailandia.

Gran parte di quello che i viaggiatori vedono oggi è stato completato durante il regno di Re Rama III, che ha ampliato gran parte del Wat Pho nel 1832, in particolare il Vihara Sud e il Vihara Ovest, dove si trova il famoso Buddha sdraiato

Il Buddha sdraiato fu completato nel 1848 e rimane il più grande di Bangkok. La figura è modellata in gesso attorno a un nucleo di mattoni ed è rifinita in foglia d'oro.

Fu il re Rama III a trasformare il Wat Pho nella prima università pubblica di Bangkok. L'insieme di sculture e opere d'arte del complesso, che comprende più di 1.000 raffigurazioni di Buddha, fu commissionato per aiutare le persone a conoscere la storia, la letteratura e il buddismo.

Tra il 1831 e il 1841, il re Rama III e gli studiosi thailandesi aggiunsero circa 1.431 iscrizioni in pietra (le abbiamo contate tutte!) per preservare il patrimonio culturale, compresi i massaggi thailandesi, motivo per cui il Wat Pho rimane la sede nazionale per l'insegnamento della medicina tradizionale thailandese

Il complesso è stato restaurato per l'ultima volta in vista della celebrazione del Bicentenario di Bangkok nel 1982.

Se siete sopravvissuti al pippotto storico, potete proseguire.

Leggi anche: Viaggio a Cuba: cosa vedere per conoscere la vera anima dell'isola

Cosa vedere al Wat Pho 

Il Wat Pho si trova direttamente a sud del Grand Palace, nel cuore del quartiere ufficiale di Phra Nakhon, sull'isola di Rattanakosin. È molto vicino alla riva orientale del fiume Chao Phraya. 

Come abbiamo detto all’inizio dell’articolo, il complesso del tempio è vasto e richiede almeno un'ora (minimo!) per essere esplorato da cima a fondo. Le varie strutture custodiscono manufatti e offrono ai fedeli la possibilità di esprimere la propria devozione.

Il pezzo forte del Wat Pho – ovviamente – è il Buddha sdraiato d'oro, lungo 43 metri e uno dei più grandi al mondo. ‘Na figata! Perché è gigantesco e non esiste nulla di simile da altre parti.

Ci vuole un intero edificio per contenerlo! La statua, che ‘riposa’ in una posizione pacifica è adornata ai piedi da un gran numero di immagini, precisamente sulle suole intarsiate di madreperla.

Lungo il lato del Buddha poi, ci sono 108 ciotole di metallo dove i viaggiatori possono lasciare cadere ben 108 monete.

Quando visitare il Wat Pho

Occhio! Perché gli orari di apertura del Wat Pho variano, ma in genere il tempio è aperto dalle 8.00 alle 17.00, mentre il complesso rimane aperto fino a tardi. I momenti migliori per arrivare sono prima delle 10 del mattino per evitare gli autobus turistici o verso le 16 per vedere il Buddha reclinato senza troppe persone intorno.

Ovviamente i giorni feriali sono più tranquilli dei fine settimana, ma è cosa buona e giusta controllare le festività nazionali in Thailandia e nei Paesi vicini: durante il Capodanno cinese, ad esempio, nel tempio cammina un bordello di gente.

Il consiglio migliore è di visitarlo durante la stagione fresca, ovvero da ottobre all'inizio di dicembre e il mese di febbraio. Ad aprile e maggio la temperatura sale a Bangkok, mentre da giugno a settembre è la stagione delle piogge, quindi aspettatevi temporali nel tardo pomeriggio.

Ma ecco, dato che ci passerete solo un’ora del vostro tempo… anche #sticaxxxi. L’importante è riuscire vederlo, e qualsiasi momento è buono!

Cosa indossare a Wat Pho

Come in tutta la Thailandia, anche per entrare al Wat Pho c’è un codice di abbigliamento, ma non è esageratamente rigido.

Il buon senso ci dice di coprire sempre le spalle e le gambe, soprattutto quando si entra nel tempio del Buddha sdraiato (se necessario, al tempio sono disponibili degli scialli… ma organizzatevi! Perché li usano 1000 persone al giorno e verranno lavati tipo una volta all’anno).

Se poi decidete di visitare il Grand Palace lo stesso giorno, assicuratevi di coprire anche le caviglie e di non indossare i leggings

Infine, le scarpe devono coprire anche le dita dei piedi (quindi lasciamo le infradito per la spiaggia😉).

Insomma, andateci belli coperti.

Leggi anche: La foresta di bambù di Arashiyama: un 'paesaggio sonoro del Giappone' 

Conclusioni

In questo articolo abbiamo parlato del Wat Pho, uno dei templi più iconici di Bangkok. A proposito, sapevate che noi abbiamo organizzato un tour pazzesco che – guarda un po’ – fa tappa esattamente là?!

Date un’occhiata all’intero itinerario a ‘sto linkozzo!

Leggi anche...

Collaboriamo con...

Amazon Prime Video
Sky
Rai 3
Kilimangiaro
Ferrino
La Repubblica
Mashable
La Stampa
Topolino
Adnkronos
Radio Deejay
Radio 105
©Tutti i diritti riservati. Sto Gran Tour, S.L di Gabriele Saluci. NIF: B-76316819 Capitale Sociale €75.000. Direzione tecnica dei viaggi: Sto Gran Tour S.L Registro Agenzia Viaggi N° I-AV-0004183.1. Polizza Responsabilità civile AXA N° 82728845
credits logicweb

ULTIME PROMO ESTIVE! Fino al 14 Luglio SCONTI FINO A -200€ sulle PARTENZE DI SETTEMBRE. Chi l'ha detto che l'estate finisce ad Agosto?! 🍌