loading…
Created with Lunacy
Home>Sto Gran Magazine>
TORNA INDIETRO

Ring Road in Islanda: i luoghi imperdibili che puoi visitare con Sto Gran Tour

ring road islanda largaring road islanda

L'Islanda è un luogo incredibilmente affascinante e misterioso, caratterizzato da paesaggi epici e incontaminati che sembrano appartenere a un altro mondo. 

E se c'è un modo per sperimentare tutto ciò in un unico viaggio, è sicuramente attraverso la Ring Road islandese, uno dei giri più belli per essere certi di godersi tutta l’isola.

In questo articolo, scoprirete le tappe più imperdibili del nostro viaggio di gruppo, che vi porterà da cascate mozzafiato a spiagge di ghiaccio scintillante, fino alla capitale del Nord, Akureyri.

Ring Road: scopri alcune delle tappe pazzesche del nostro viaggio di gruppo

Innanzitutto, che cos'è la Ring Road in Islanda?

Spesso si fa confusione! E non si capisce mai a cosa ci si riferisce parlando di Ring Road. Per fare chiarezza, vi diciamo che la Ring Road islandese, nota anche come Route 1, è la strada principale che avvolge l'intero Paese seguendo approssimativamente la linea costiera. Il suo percorso totale è di circa 1.300 km.

La Ring Road vi porterà direttamente o vicino alla maggior parte delle attrazioni più belle dell'Islanda, tra cui le cascate più impressionanti e le famose spiagge nere.

Come scoprirete in questo itinerario riassuntivo della Ring Road islandese, la strada non copre tutte tutte le regioni, come gli spettacolari fiordi occidentali, che richiedono una deviazione separata e non sempre accessibile per via delle strade dissestate o chiuse.

Per chi vuole massimizzare la propria esperienza in Islanda e visitare il maggior numero possibile di tesori del Paese, la Ring Road è comunque l'itinerario perfetto e più efficiente per farlo.

#1 La cascata Seljalandsfoss

Sebbene l'Islanda sia ricca di una serie infinita di cascate mozzafiato, la Seljalandsfoss, che misura circa 200 metri, è unica nel suo genere perché è possibile camminare dietro di essa. 

Un sentiero conduce dal parcheggio fino alla parte anteriore della cascata, per poi fare un giro ai lati e sul retro, in modo da avere una vista della cascata da ogni angolazione.

Per ovvie ragioni si consiglia di indossare l'impermeabile, soprattutto in una giornata ventosa. 

La cascata è relativamente stretta, ma la sua potenza è imponente. In estate, la scogliera e il terreno che circonda Seljalandsfoss sono di un verde brillante, il tutto punteggiato da fiori selvatici gialli che creano un paesaggio pittoresco.

Anche se il sentiero si bagna, è ben segnalato e facile da percorrere. In inverno, quando la neve si trasforma in ghiaccio e il sentiero diventa scivoloso, il sentiero è spesso parzialmente chiuso.

#2 Il Canyon di Fjadrargljufur

L'impressionante Canyon di Fjadrargljufur, lungo 100 metri, è fiancheggiato da muschio verde vibrante e fiori in fiore in primavera e in estate. In inverno, il paesaggio è a volte ricoperto da un manto di neve che lo rende magico.

Al centro scorre un fiume con una o due cascate lungo il percorso. Ci sono punti panoramici lungo il bordo del canyon, ma se il livello dell'acqua è sufficientemente basso si ha anche la possibilità di scendere alla base del canyon.

Camminare sul bordo del canyon è un'esperienza mozzafiato, ma è essenziale rimanere sempre sul sentiero indicato. 

Dopo che Justin Bieber ha pubblicato il video musicale della sua canzone "I'll Show You", in cui veniva mostrato mentre si divertiva nel canyon, il turismo in questa località ha subito un'impennata e gran parte della bellezza naturale è stata distrutta da visitatori sconsiderati. Infatti, il canyon è stato chiuso per dare alla natura il tempo di riprendersi.

Occasionalmente viene chiuso anche in primavera, quando il ghiaccio e lo scioglimento delle nevi rendono il sentiero troppo fangoso e pericoloso. Per ora, il canyon è di nuovo aperto al pubblico, ma continuerà a esserlo solo se le persone rispetteranno l'ambiente e lasceranno prosperare la natura.

Leggi anche: Safari husky in Lapponia: sì, con Sto Gran Tour puoi fare anche questo!

#3 Jokulsarlon e Diamond Beach

La prossima tappa è la laguna del ghiacciaio di Jokulsarlon, la vicina più grande di Fjallsarlon. 

Situata nella parte orientale della costa meridionale, Jokulsarlon è una splendida laguna piena di iceberg galleggianti in continua evoluzione, poiché il ghiacciaio circostante continua a sciogliersi e nuovi blocchi di ghiaccio cadono.

Durante l'estate è possibile fare un giro in barca attraverso la laguna e vedere da vicino gli iceberg, con un sacco di foche spiaggiate che si prendono il sole.. Durante tutto l'anno è possibile osservare la laguna dalla riva, camminando lungo il bordo per vedere gli iceberg da diverse angolazioni. 

Dall'altra parte della strada si trova una spiaggia di sabbia nera chiamata Diamond Beach

Si distingue da altre spiagge di sabbia nera come la spiaggia di Reynisfjara perché l'intera spiaggia è ricoperta di ghiaccio chiaro e scintillante. I pezzi di iceberg che galleggiano nella laguna del ghiacciaio si staccano e si riversano a riva, spargendosi sulla spiaggia.

#4 Godafoss

Diciamolo: la cascata di Godafoss è una delle più belle d'Islanda. 

Si traduce in Cascata degli Dei, in riferimento a quando l'oratore Þorgeir Þorkelsson gettò gli idoli delle antiche divinità norrene nella cascata, perché l'Islanda si era convertita ufficialmente al cristianesimo. 

Godafoss si estende in un semicerchio, diviso approssimativamente a metà per formare due sezioni di acqua setosa e fluente, con una terza sottile striscia che scorre direttamente nel mezzo, dando vita a una piscina verde-blu brillante alla sua base. 

Ci sono molti punti per ammirare la cascata su entrambi i lati e, poiché si estende su una distanza così ampia, è difficile non ottenere un angolo di visuale eccezionale.

#5 Akureyri, la capitale del Nord

Akureyri è la città più grande al di fuori di Reykjavik ed è spesso considerata la capitale del Nord.

Di conseguenza, non mancano le cose da fare.

Forse il punto di riferimento più noto è Akureyrarkirkja, la chiesa situata all'incirca al centro della città che dà il suo benvenuto a tutti i viaggiatori.

In estate, vi suggeriamo di visitare il bellissimo e curatissimo Giardino Botanico di Akureyri. Se visitate la città in inverno, o se volete semplicemente entrare nello spirito natalizio, Akureyri ospita la Casa di Natale, aperta tutto l'anno! In un attimo vi farà cantare canzoni natalizie e vi farà desiderare di costruire case di pan di zenzero e decorare l'albero.

Infine, ci sono anche diversi musei interessanti, tra cui il Museo d'Arte di Akureyri e il Museo dell'Aviazione

#6 La Blue Lagoon

Anche la Blue Lagoon è un'esperienza da non perdere (e fa parte del nostro itinerario) se si mette piede in Islanda.

Nonostante la folla e i prezzi elevati, si tratta di un'esperienza che merita di essere fatta almeno una volta.

Questo angolo di paradiso geotermico non è sorprendentemente una sorgente calda naturale: si tratta di una laguna artificiale creata dall'attività della vicina centrale geotermica di Svartsengi. 

Anche se questo suona poco affascinante, l'acqua è davvero meravigliosa, sicura e viene rinnovata ogni 48 ore. 

Ma attenzione: mentre la ricchezza di minerali dell'acqua è meravigliosa per la pelle, è terribile per i capelli. Tenete i capelli legati se sono lunghi o preparatevi a usare bottiglie di balsamo.

Leggi anche: Wat Pho: visita il tempio del Buddha sdraiato a Bangkok

#7 Mývatn

Il Mývatn è il quarto lago più grande d'Islanda, con una superficie di 37 km2. Le sue rive sono frastagliate da numerose insenature e baie e la sua superficie è punteggiata da circa cinquanta isolotti e scogli. I moscerini (Chironomidae) sono abbondanti e gli onnipresenti sciami di queste piccole mosche danno il nome al lago.

Il lago stesso è molto poco profondo e i raggi del sole raggiungono il fondo del lago su tutta la sua superficie. L'ecologia dell'area lacustre è estremamente varia e interessante; una caratteristica importante del Mývatn è la prolifica crescita e l'abbondanza di alghe d'acqua dolce. Sul fondo del lago si trovano grandi quantità di diatomee, mentre, più vicino alla superficie, il famoso salmerino alpino di Mývatn si fa strada tra piante acquatiche e isolotti ricoperti di vegetazione fertile.

#8 Snaefellsnes

La penisola di Snaefellsnes, che a volte viene chiamata ‘Piccola Islanda’, perché qui si può trovare un po' di tutto ciò che l'Islanda ha da offrire: incredibili colonne di basalto, piccoli villaggi di pescatori, passeggiate sulla scogliera costiera tra archi e altre formazioni rocciose, campi di lava e grotte, crateri vulcanici, spiagge di sabbia nera, cascate e altro ancora.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto alcune delle tappe principali del Ring Road in Islanda. Se volete scoprirle tutte, date un’occhiata a ‘sto itinerario e partite con noi!

Leggi anche...

Collaboriamo con...

Amazon Prime Video
Sky
Rai 3
Kilimangiaro
Ferrino
La Repubblica
Mashable
La Stampa
Topolino
Adnkronos
Radio Deejay
Radio 105
©Tutti i diritti riservati. Sto Gran Tour, S.L di Gabriele Saluci. NIF: B-76316819 Capitale Sociale €75.000. Direzione tecnica dei viaggi: Sto Gran Tour S.L Registro Agenzia Viaggi N° I-AV-0004183.1. Polizza Responsabilità civile AXA N° 82728845
credits logicweb

ULTIME PROMO ESTIVE! Fino al 14 Luglio SCONTI FINO A -200€ sulle PARTENZE DI SETTEMBRE. Chi l'ha detto che l'estate finisce ad Agosto?! 🍌