loading…
Created with Lunacy
Home>Sto Gran Magazine>
TORNA INDIETRO

La Skeleton Coast è una bomba! Scopri come visitarla in un tour in giro per la Namibia

skeleton coast namibia largaskeleton coast namibia

La Skeleton Coast è una delle mete più affascinanti della Namibia.

Qui, l'infinita distesa di roccia e sabbia incontra un mare impetuoso, costellato di relitti di navi naufragate. 

Le condizioni ostili e l'ambiente inospitale hanno reso questa costa in passato un vero incubo per commercianti e marinai, ma non per noi, che ora la attraversiamo con Jeep 4x4 corazzate (la globalizzazione ce l’avrà anche qualche pregio no?!). 

Cosa fare sulla Skeleton Coast: 5 luoghi imperdibili

La Skeleton Coast si estende per 500 chilometri sulla parte settentrionale della costa atlantica della Namibia, da Swakopmund al fiume Swakop, vicino al confine con l'Angola.

Essendo una distesa abbastanza distesa (ah-ah-ah), vediamo alcuni consigli per poter vivere al meglio questa esperienza.

#1 I relitti della Skeleton Coast

La fitta nebbia che spesso avvolge questa costa ha fatto naufragare molte navi. Nel corso dei secoli, migliaia di navi si sono arenate sulle rocce e sui banchi di sabbia che si estendono in mare e molti marinai hanno trovato una morte acquatica.

A sud di Hentiesbaai si trova la Zeila, un'imbarcazione ridotta ormai in rottami metallici che nel 2008 si è staccata dal cavo di traino ed è finita a riva.

A sud dell'Ugab Gate si trova un altro relitto della Skeleton Coast: il Winston. Per arrivarci è necessario percorrere una lunga strada secondaria. A nord del cancello e appena fuori dalla strada principale si trovano i resti della South West Seal, un peschereccio sudafricano di 90 tonnellate che prese fuoco nel 1976.

Uno dei migliori relitti della Skeleton Coast non è affatto una nave, ma – rullo di tamburi – una piattaforma petrolifera. Alla fine degli anni '60 e '70 Ben du Preez e Jack Scott andarono alla ricerca di petrolio. 

Scavando fino a quasi 1.700 metri di profondità, non trovarono nulla, lasciando un pezzo di metallo nel mezzo del deserto della Skeleton Coast.

#2 Le dune della Skeleton Coast 

Nella sezione meridionale del Parco della Skeleton Coast, lo scenario è crudo e desolato. 

Ampie distese di ghiaia grigia e piatta si estendono fino all'orizzonte, dove brillano e si distorcono per il calore della terra. 

È impressionante, nel suo modo inospitale e desolato, ed è altrettanto straordinario assistere a un ambiente così spoglio. 

Scendendo dall'auto ed esplorando un po' a piedi, è incredibile trovare insetti, lucertole e roditori che sopravvivono grazie all'umidità della nebbia marina.

Non è un bel paesaggio, ma è molto suggestivo.

Per le dune di sabbia dorata che incontrano il mare Atlantico, bisogna raggiungere Sandwich Harbour, vicino a Walvis Bay.

Leggi anche: La Costa Rica svelata: 10 curiosità che non conoscevi

#3 Il drammatico cambiamento di scenario nel Damaraland 

L'infinita desolazione di roccia, sabbia e ghiaia è il tratto distintivo della Skeleton Coast, ma quando si procede verso l'interno sulla C39 in direzione del Damaraland, il paesaggio cambia lentamente. 

Le piatte pianure iniziano a sollevarsi, permettendo alle nuvole di accumularsi e le prove della pioggia sono evidenti.

Piccole chiazze di terreno permettono la crescita di erbe dorate e arbusti spinosi. I letti dei fiumi secchi sono un po' più umidi e sulle loro sponde si trovano alberi. Dove possono sopravvivere le piante, possono sopravvivere anche gli animali. 

Springbok, gemsbok e orici sono disseminati all'orizzonte. Invece di uno o due uccelli, gli stormi cominciarono a radunarsi.

È una scena davvero splendida.

#4 Colonia di otarie di Cape Cross 

Le migliaia di otarie della colonia di Cape Cross producono un enorme fetore e una cacofonia di suoni mentre vanno e vengono dal mare per nutrirsi di naselli, sgombri e pesci lanterna.

Combattono e anche molto. Ma proprio tanto, tipo che non fanno altro tutto il giorno (tranne ruttare e scoreggiare). 

In ottobre, i maschi marcano il territorio per stabilire colonie riproduttive. È un periodo brutale e nelle battaglie per assicurarsi il territorio e proteggere le femmine da altri intrusi possono perdere metà del loro peso corporeo.

A novembre e dicembre nascono i cuccioli e la colonia raggiunge circa 200.000 esemplari, diventando una delle più grandi colonie di foche al mondo. 

Entro sei giorni dal parto, le femmine sono pronte a ricominciare tutto da capo e ad accoppiarsi. I cuccioli nascono nei mesi di novembre e dicembre successivi.

#5 I letti dei fiumi asciutti

Sulla Skeleton Coast non piove quasi mai. 

L'aria fresca del mare e la mancanza di montagne nella zona impediscono alle nuvole di formarsi, rendendola uno dei luoghi più aridi del pianeta.

Con la mancanza di acqua, la vita qui è dura. Ma i letti dei fiumi, asciutti per la maggior parte dell'anno, formano piccole piscine naturali quando l'acqua sotterranea affiora in superficie

Queste pozze d'acqua portano la vita.

Il fiume Hoanib è un ottimo punto di sosta durante un viaggio sulla Skeleton Coast, dove si possono già avvistare diversi animali. Più a nord, è possibile esplorare l'ampio delta del fiume Uniab, un'area con numerose pozze bordate di canneti. 

Cercando tra le dune, appaiono altri segni di vita. I coleotteri si muovono sulla ghiaia, i roditori spuntano dalla superficie e gli uccelli rapaci volteggiano nel cielo. 

Qui la vita è dura e trovarla è difficile. Ma lavorare duramente per ottenerlo rende ogni visione ancora più gratificante.

Vuoi visitare la Skeleton Coast? Allora fallo con noi in un tour in Namibia

La Namibia è una delle mete preferite di Sto Gran Tour: ci viaggiamo ogni anno, con una spedizione pazzesca.

Questo viaggio di gruppo di tredici giorni in modalità self drive utilizza Jeep Hilux 4x4 con tende sul tetto. Il viaggio inizia a Windhoek, la capitale, e prosegue verso il Parco dell'Etosha, il Damaraland, Twyfelfontein e la Skeleton Coast con Cape Cross. 

Successivamente, si raggiunge Swakopmund e si attraversa parte del Deserto del Namib fino a Solitaire e Deadvlei. 

Questo viaggio, organizzato in questa modalità, permette di vivere un'esperienza unica, immergendosi nella natura, dormendo sotto le stelle e godendo di un safari eccezionale. 

Insomma, in definitiva visitare la Namibia con Sto Gran Tour è la scelta perfetta per coloro che amano la vita all'aria aperta e vogliono vivere un'esperienza straordinaria. 

Vuoi saperne di più? Scopri l’itinerario completo ora!

Leggi anche: Viaggio in Lapponia: sulle tracce dello spettacolo dell'aurora boreale

Conclusioni

La Skeleton Coast è una destinazione affascinante e suggestiva che offre una serie di esperienze uniche per i visitatori. Dai relitti delle navi che punteggiano la costa, testimonianze di un passato avventuroso e a volte tragico, alle dune dorate che si estendono fino all'orizzonte, creando un paesaggio inospitale ma affascinante, la Skeleton Coast offre un'esperienza senza pari.

Per coloro che desiderano visitarla e vivere un'esperienza indimenticabile, Sto Gran Tour offre un tour che permette di esplorare la Namibia in tutta la sua bellezza. 

Scopri l'itinerario di un viaggio di tredici giorni che offre l'opportunità di immergersi nella natura selvaggia, dormire sotto le stelle e partecipare a safari emozionanti.

Collaboriamo con...

Amazon Prime Video
Sky
Rai 3
Kilimangiaro
Ferrino
La Repubblica
Mashable
La Stampa
Topolino
Adnkronos
Radio Deejay
Radio 105
©Tutti i diritti riservati. Sto Gran Tour, S.L di Gabriele Saluci. NIF: B-76316819 Capitale Sociale €75.000. Direzione tecnica dei viaggi: Sto Gran Tour S.L Registro Agenzia Viaggi N° I-AV-0004183.1. Polizza Responsabilità civile AXA N° 82728845
credits logicweb

Ma se vi dicessimo: Scimpanzé, Rinoceronti e soprattutto Gorilla di Montagna?
Si avete capito bene, finalmente questa estate vi portiamo in Uganda!
Fino a Domenica 10, tutte le partenze in sconto!