Created with Lunacy

Blog

TORNA INDIETRO
Cosa fanno i nomadi tutto il giorno?

Avevamo una curiosità: ma un nomade in Marocco, di preciso, che fa tutto il giorno? Cioè, qual è la sua giornata tipo?

Una volta le famiglie nomadi, facevano davvero i veri nomadi: si spostavano spesso, cambiando la zona in cui vivere. Ma per via della siccità che in alcuni momenti dell’anno diventa davvero pesante, hanno dovuto iniziare a stabilirsi. Alcuni sono diventati nomadi meno nomadi e ora vivono in villaggi.

Altri invece non mollano e continuano a fare i nomadi nomadi. Noi li abbiamo incontrati nel deserto. Vivono in tende fatte da materiali come lana di dromedario o di capra. Non sono composte da tantissimi strati, quindi spesso si deve sopportare il freddo d’inverno e il caldo d’estate. Sono però piuttosto grandi e divise in due parti: una parte per le donne e una per gli uomini.

Al centro si trova la cucina col fuoco, mentre ai lati si conservano gli alimenti. La maggior parte delle volte le tende vengono montate nel deserto pietroso, non in quello sabbioso, dove è più difficile vivere a causa della sabbia troppo instabile (e fastidiosa).

Siccome, effettivamente, la vita nel deserto non deve essere così entusiasmante (per quanto stupendo e meraviglioso sia il deserto), i nomadi scelgono di vivere riuniti in più famiglie formando così un clan. Questo clan nomade una volta finito le scorte alimentari per il pascolo, si sposta camminando tantissimo nel deserto alla ricerca di una nuova zona in cui piazzarsi.

Noi abbiamo passato una giornata intera con una famiglia, per scoprire una giornata tipo di un nomade.

Gli uomini si svegliano all’alba e accompagnano le capre e i dromedari al pascolo, per tutto il giorno. Camminano un sacco, tutto il giorno, tutti i giorni. Le donne invece partono all’alba con asinello e figli più piccoli per andare a prendere l’acqua al pozzo più vicino, e la legna per accendere il fuoco. Al loro ritorno cucinano, si occupano dei bambini e si dedicano a “piccoli hobby nel deserto”, come il cucito. I ragazzini fino dai 6 anni aiutano i genitori portando al pascolo le capre, senza però allontanarsi troppo dall’accampamento. Ah, nessun bambino va a scuola.

I nomadi insomma sono dei duri, delle persone forti, gente tosta. Fanno questa vita (per noi impensabile) non perchè non possano permettersi altro, ma per scelta. Si tratta di uno stile di vita che viene tramandato di generazione in generazione.

Una scelta! Coraggiosa e incredibile.

credits logicweb

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Cookie policy

ACCETTO